mercoledì 9 febbraio 2005

I NUOVI CLASSICI
ovvero: le poesie riscritte ai tempi d'oggi.

A SILVIO
Silvio rimembri ancora
quel tempo della tua vita mortale
quando l'età si stendea sugli occhi tuoi
cadenti e arruginiti
e tu bieco e penoso
lassù a Palazzo Chigi risalivi
e pur fuor dalle stanze levavi di torno
chi non facea il tuo canto 

V MAGGIO 2005
E fu rifatto il mobile
dopo il terribil tiro
che fè la moglie isterica
col suo ferro da stiro
così con wodka e tonica
il babbo ubriaco sta
muto pensando all'ultima
volta che sul guanciale
la sua irruenta partner
non glielo fece fà!

LA CATENINA SPORCA
Oh catenina catenina sporca
che portava al suo collo Enzo Majorca
lo so lo so che lui bestemmia forte
ma impreca sol contro la mala sorte

SAN MARTINO
Il forno per i polli
surriscaldato è male
ma pure pe' l maiale
non è certo un piacer
ma per cuocere il porco
o ribollir pulcini
ci voglion gli spiedini
che fanno tanto mal

MERIGGIARE PALLIDO E ASSORTO
Meriggiare pallido e assorto
in un ingorgo sul muro torto
ascoltare tra i caschi e gli specchi
urla di bori e tosse di vecchi
nelle buche del suolo in strada vecchia
spiar le file di rosse vetture
che ora che passano poi si impennano
provocando una o più fratture.

3 commenti:

  1. Carine... ma che sei?, davvero un attore?

    RispondiElimina
  2. davvero davvero...

    RispondiElimina
  3. Uellà...Poetiamo? :)



    "LA PIOGGIA"

    Or s'ode

    scrosciar l'argentea pioggia ...

    Piove sui pini

    Piove sui mirti

    Piove sulle ginestre fulgenti

    Piove...

    Non è che per caso hai un ombrello da prestarmi?



    ***

    Un saluto Billy Ma ciao!

    RispondiElimina